Photo Anna Chiara Cimoli

Sul manifesto della XV Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, diretta da Alejandro Aravena e intitolata Reporting from the Front, campeggia una donna in  prendisole a fiori, foulard in testa, in piedi su una scala di metallo, nel deserto. È l’archeologa tedesca Maria Reiche, fotografata da Bruce Chatwin. Che cosa faceva? Studiava le linee di Nazca, che soltanto se viste dall’alto esprimono il loro senso. Soldi per noleggiare un elicottero non ne aveva, ma se si fosse spostata in macchina avrebbe distrutto il suo oggetto di studio. Sola, su quella scala traballante, è ora un’immagine fulgente di presa in cura di un territorio e dei suoi segni.

Questa Biennale parla di decifrare, di lenire, di accompagnare e di denunciare. Parla spesso di tempi lunghi, di ridistribuzione delle ricchezze – che siano competenze, informazioni, risorse – e di riscatto.

Continue reading on Gli Stati Generali.

Advertisements